eh cookies

giovedì 22 dicembre 2011

Esempi di delirio multietnicista

Esempi di delirio multietnicista: alcuni episodi dal Regno Unito, più uno dall'Italia e dalla Svezia



Proponiamo alcuni episodi, tra gli ultimi rintracciabili nelle cronache del cosiddetto Occidente, relativamente a quella costruzione ideologico-fideistica che viene comunemente chiamata "società multietnica" o "multiculturale", chimera schizoide, la cui quotidianità segue tale natura delirante. Episodi le cui vittime sono delle volte i cittadini autoctoni o una legalità razionale o un minimo di buon senso.

Regno Unito 1 - Leicester: quattro ragazze somale, completamente ubriache [foto sopra; dalla sinistra, Ambaro Maxamed, Ayan Maxamed, Ifrah Nur, Hibo Maxamed], hanno aggredito con violenza immotivata una coppia di giovani bianchi, colpendo in particolar modo la ragazza. Il fatto è avvenuto nel giugno 2010, ma solo ora è arrivata la sentenza, ridicola e discriminatoria nei confronti dei cittadini autoctoni britannici (cioè di pelle bianca). Perché nel corso dell'aggressione, le quattro allogene utilizzavano numerosi epiteti razzisti contro la ragazza bianca. Il giudice Robert Brown ha però considerato l'aggressione solo come frutto dell'alcol, motivando il razzismo delle straniere come frutto della non abitudine all'alcol, in quanto di fede maomettana. Ciò ha portato alla violenza fisica e verbale. Risultato: solo sei mesi di carcere, con pena sospesa. Riguardate la foto: vi sembrano poco avezze a feste "occidentali"? E dopo aver sentito della sentenza, vi sembra che la stessa sia il frutto di una bevuta di troppo da parte del giudice Brown?

Regno Unito 2 - Londra: un gruppo di immigrati congolesi inscena una protesta contro la rielezione in Congo di Joseph Kabila. La protesta degenera subito, in quanto gli stranieri incominciano a spaccare parabrezza d'auto, assalire i passanti e le forze dell'ordine e, per concludere in bellezza, assalire un coro organizzato per una raccolta fondi contro il cancro. 110 gli arresti. Gli stranieri hanno giustificato il tutto accusando l'Occidente di appoggiare Kabila. Bene, ci sembra ci sia solo una soluzione: tornatevene in Congo e fatte lì la rivoluzione.

Regno Unito 3 - Heathrow: il congolese Alphonse Semo, nonostante una condanna, già scontata, di otto anni di prigione per stupro, a cui si associava il reimpatrio coatto in Congo, si è visto concedere il permesso di stare ancora in Gran Bretagna solo per aver sposato una sua conterranea, anch'essa immigrata. Eh, sì! L'amore può tutto...

Italia - Recanati: un cittadino marchigiano ha denunciato la situazione discriminatoria, in un locale ospedale, dove, dalle stanze del reparto neonatale, venivano allontati i mariti italiani, là dove fossero presenti anche immigrate maomettane, in modo da impedire che queste ultime fossero oggetto di sguardi (maschili) altrui. Tale prassi, che era prevista per chiunque, non veniva poi seguita dai mariti delle maomettane, che continuavano a circolare nelle stanze secondo i loro comodi. Un aggiornamento successivo parla di stanze singole concesse solo a queste, mentre le italiane continuavano ad usare stanze doppie o triple. In un caso (molto grave) o nell'altro (comunque grave), si è dimostrato il solito atteggiamento di certe amministrazioni, incapaci di rispettare i cittadini autoctoni, per venire incontro ad ogni mal di pancia alloctono. E poco importa che il tutto nasca da pretese degli stranieri o da eccessive e ridicole attenzioni degli amministratori.

Svezia - Mariannelund: cinque arabi, di varia provenienza, ospiti di un centro per richiedenti asilo, hanno stuprato a turno una giovane donna, anch'essa richiedente asilo. Il caso sembra non essere stato molto pubblicizzato nel paese nordico, ma le autorità, che hanno commentato la notizia, si sono limitate a ribadire che... si deve fare il possibile per aiutare i richiedenti asilo. E magari, aggiungiamo noi, sarebbe pure il caso di scremare un po' prima gli arrivi, di questi cosiddetti "richiedenti asilo".

  • Mercy for the drunk Muslim girl gang who attacked woman (Gordon Rayner, The Telegraph, 7 dicembre 2011):

The four defendants shouted “kill the white slag” as they attacked Rhea Page after dragging her to the ground.

Ambaro Maxamed, 24, her sisters Ayan, 28, and Hibo, 24, and their cousin Ifrah Nur, 28, faced up to five years in jail after admitting causing actual bodily harm.

But Judge Robert Brown gave them six-month suspended sentences after deciding that the attack in Leicester city centre was not racially motivated.

He heard in mitigation that the four were not used to alcohol because their religion does not allow it.

Miss Page, 22, was so traumatised by the attack that she lost her job as an educational support worker after repeated absences due to stress. She described the sentence as “disgusting”.

Leicester Crown Court heard that Miss Page was attacked as she walked to a taxi rank with her boyfriend Lewis Moore, 23, in June last year. James Bide-Thomas, prosecuting, said Ambaro Maxamed called Miss Page a “white bitch” and grabbed her hair, making her fall.

Miss Page, who needed hospital treatment after the attack, said outside court: “They were taking turns to kick me in the head and back over and over. I thought they were going to kill me. I honestly think they attacked me just because I was white. I can’t think of any other reason.”

Judge Brown, who also sentenced the three sisters to 150 hours of community work, said he accepted that they may have felt victims of unreasonable force from Mr Moore. But Miss Page insisted her boyfriend had only been trying to protect her. “If he hadn’t been there, I’m sure they would have killed me,” she said.

  • Charity carol concert attacked by Congo protesters (Matthew Holehouse, The Telegraph, 11 dicembre 2011):

Shops were attacked, passers-by threatened and car windows smashed during a demonstration in central London against the election result in the Democratic Republic of Congo.

The carol concert was raising money for MacMillan Cancer Support. It was organised by a group of friends whose loved ones had been treated for cancer.

Masked teenage boys ‘stormed’ the singers, throwing bottles of water and hot drinks into the crowd. A woman in her 40s, said to be undergoing treatment for breast cancer, was pulled to the ground. A youth attempted to set light to the Christmas tree, an annual gift from the city of Oslo since 1947, one witness said.

“They were determined not to let us sing and have fun and utterly ruined the atmosphere. Have your protest and make your point, but why did you have to ruin a lovely occasion with your scuminess,” Mark Horton, a conductor of the choir, wrote in a message online. The concert was cut short amid safety concerns.

The attack was ‘egged on’ by teenage girls who screamed and shouted “like the possessed”, another witness said.

Police made 110 arrests for affray as fights broke out between demonstrators.

Other arrests were made for assaulting police officers, obstructing police and blocking a public highway. Police held demonstrators inside double decker busses before ferrying them to custody.

The demonstration began as an agreed ‘static’ protest in Whitehall on Saturday evening against the re-election of President Joseph Kabila, which international observers say “lacks credibility”.

The vast central African country has immense mineral wealth but has been ravaged by civil war, corruption and economic mismanagement. Protestors accuse Western governments of propping up the regime.

On Thursday a group of 200 Congo demonstrators forced the evacuation of Oxford Circus tube station, central London, after they set off a passenger alarm on an underground train.

  • Rapist asylum seeker who dumped victim on rubbish tip is released after being TWO hours away from deportation (Rob Cooper, The Daily Mail, 15 dicembre 2011):

An asylum seeker who raped a woman and dumped her on a rubbish tip when he was 'finished' has been freed despite Home Office attempts to deport him.

Alphonse Semo, 54, was jailed for eight years for the rape and at the end of his term was due to be sent back to the Congo.

However two hours before his flight he was given permission to marry his girlfriend and stay in the country.

Now a judge has allowed the father-of-five to be released from an immigration detention centre.

He has been fitted with an electronic tag and is required to check in regularly with the authorities.

The Home Office is still fighting to have Semo removed but he has applied for judicial review and the case could take the courts years to resolve.

Semo was told three years ago that he would be deported after serving the prison sentence he was handed in 2002.

However, a Home Office blunder meant he was granted permission to wed his girlfriend, another refugee from the Democratic Republic of Congo who became a German national, hours before he was to be sent back to Africa.

Officials initially agreed to give the refugee a 'certificate of approval' to wed, then changed their mind.

Then a 'very reluctant' Mr Justice Collins, sitting in the High Court in March last year, said the Home Office 'really cannot be allowed to play hot and cold' so decided Semo could stay for the ceremony.

After a new immigration hearing, the rapist was released on Tuesday from the immigration centre near Heathrow where he had been held since 2007.

Semo, who used to live in Deptford, south-east London, is believed to have now married his long-term partner Bunsana Kalonji.

Until the courts make a final ruling on his deportation he can stay in Britain.

A spokesman for the Home Office said: 'We vigorously opposed this individual’s application for bail and are very disappointed by the court's decision.

'He will be subject to rigorous monitoring, including an electronic tag, and we are continuing to fight for his removal from the UK.'

  • Discriminati all’ospedale in favore dei musulmani (Emanuela Addario, Il Resto del Carlino, 17 dicembre 2011):

VOLEVA solo accudire la moglie che aveva appena partorito. Ma in ospedale non gliel’hanno permesso. Il motivo? Le compagne di stanza della moglie erano di religione musulmana. E mostrare le proprie nudità a un uomo che non sia il marito è assolutamente vietato. Anche se si tratta del gesto più naturale del mondo come quello dell’allattamento.

Così la “veglia” notturna delle proprie mogli è stato consentito solo ai mariti musulmani. Mentre gli italiani (cattolici) hanno dovuto pazientare. Un episodio che ha del «discriminatorio», termine spesso usato per indicare atteggiamenti non paritari nei confronti di individui o gruppi appartenenti a particolari etnie. Ma questa volta, contrariamente a quanto di consueto si legge, la vittima è un cittadino italiano. Un neopapà.

TEATRO dell’accaduto è l’ospedale di Recanati, reparto neonatale. A raccontarlo è Enrico Marchetti, portorecanatese, la cui cognata nei giorni scorsi ha dato alla luce un bimbo. Un’esperienza meravigliosa per ogni uomo che porta con sé, soprattutto nei primi istanti, la massima voglia di essere accanto alla mamma e al proprio figlio. Il neopapà, infatti, avrebbe voluto assistere la moglie durante le ore notturne, come fanno tanti altri uomini, nelle sue stesse condizioni. Ma gli altri uomini sono extracomunitari e musulmani, religione che impone alla donna di far vedere le proprie nudità solo ed esclusivamente al marito, anche se in ospedale e in camere con altre degenti, italiane.

Di qui, come riferisce Marchetti, la scelta del reparto di far rimanere la notte solo i mariti musulmani e non gli italiani, invitando le famiglie italiane a provvedere per l’assistenza con altri familiari donne. La giustificazione è stata che gli uomini italiani avrebbero potuto vedere le mogli dei musulmani allattare i propri figli, quindi notare le nudità. «Ufficialmente ci è stato detto che tutti gli uomini non potevano fare la notte — riferisce Marchetti — anche se, tra i corridoi, dai dipendenti dello stesso ospedale e da altre degenti è emersa un’altra verità. Di notte i mariti musulmani rimanevano a fare assistenza alle loro mogli, contrariamente al divieto imposto dall’ospedale». Insomma, stando alla ricostruzione della famiglia, il divieto che sarebbe nei per tutti, finisce per essere valido solo nei confronti dei mariti italiani, costrettia rimanere lontani dalle proprie mogli.

«MA COME è possibile — si chiede Marchetti —? Abbiamo dovuto far rimanere con mia cognata una donna e non il marito. Non è giusto che nel nostro paese chi viene detti legge e non rispetti la nostra. Se noi andiamo in paesi musulmani dobbiamo rispettare la loro legge. Perché quando vengono loro nel nostro paese avvengono episodi del genere? E perché l’ospedale permette questo, penalizzando un padre italiano che vuole assistere la propria moglie?».

  • Recanati: Assistenza di notte vietata ai papà, ma permessa a genitori islamici (Elisa Tomassini, Vivere Civitanova, 19 dicembre 2011):

Una delle regole dell'ospedale di Recanati al padre dei nuovi arrivati non è stato concesso di poterli assistere durante l’orario notturno. Ma la scorsa settimana una strana situazione vista all'interno dell'ospedale ha fatto discutere una coppia fresca di novelli genitori.

Le partorienti in generale vengono sistemate in camere da tre ma quelle di religione islamica dispongono di una camera singola. Questa è un’eccezione rispetto alla regola, la religione islamica – o la loro cultura – proibisce che una donna mostri parti del suo corpo, anche se non intime, ad un uomo che non sia il proprio marito.

L’Ospedale dimostra di andare incontro alla cultura dei suoi ospiti ma ciò che ha fatto discutere è il fatto che i mariti delle donne islamiche, al contrario di quelli delle italiane, possono assistere mamma e neonato anche durante le ore notturne.

  • Schweden: Gruppenvergewaltigung im Flüchtlingslager (Unzensuriert, 14 dicembre 2011):

Die schwedische Stadt Mariannelund ist Standort eines Asylwerber-Wohnheims, das Anfang Dezember ein Fest veranstaltete. Für eine 29-jährige Mutter zweier Kinder endete dieses Zusammentreffen mit den Hilfesuchenden damit, von bis zu elf arabischen Männern vergewaltigt zu werden. Einige von ihnen sollen die Tat auch gefilmt haben. Fünf Männer, zwischen 20 und 30 Jahre alt, wurden bereits festgenommen.

Morteza A., Ahmad M.A., Rahamati H., Hashemi S. und Zia M. stammen aus verschiedenen arabischen Staaten und suchten offiziell Schutz vor Verfolgung in Schweden - dabei hätte man vielmehr die Menschen vor ihnen schützen müssen. Das Opfer hatte keine Chance, sich zur Wehr zu setzen, da drei der Männer sie auf ein Bett pressten, während die anderen sich bei ihrer Vergewaltigung abwechselten.

Wie hätte das Opfer sich auch auf diese Gefahr vorbereiten können? Die schwedische Politik behauptet vehement wie kaum eine andere, wie hilflos und schutzbedürftig die Immigranten doch seien und dass der gute schwedische Bürger sich Mühe geben solle, bei der Integration zu helfen - was auch der Hintergrund der Feier war.

Massenmedien schweigen über Tathintergründe

Die großen schwedischen Zeitungen erwähnten weder Namen noch Herkunft der Täter und verpixelten die Fotos. Trotz der Tatsache, dass das Flüchtlingslager den Triebtätern unter Vorspiegelung falscher Tatsachen wie Integrationswilligkeit und Harmonie die junge Mutter hilflos ausgeliefert hat, verschweigen die Zeitungen weiterhin den erschreckend deutlichen Zusammenhang.

Einwanderungsbehörde will nun Flüchtlinge unterstützen

In einem Interview mit der Leiterin der Einwanderungsbehörde, Asa Gustav-Jansson, wollte der schwedische Rundfunk wissen, wie diese Tragödie geschehen konnte, erhielt jedoch keine Antwort. Stattdessen erfuhren die Journalisten, dass Gustav-Jansson die Vergewaltigung als schrecklich empfinde, da sie "gegen die Flüchtlinge eingesetzt werden könnte" (http://sverigesradio.se/sida/artikel.aspx?programid=86&artikel=4843621). Die Ressourcen des Immigrationsservice würden nun darauf konzentriert werden, um Flüchtlinge zu unterstützen, die nicht straffällig wurden, weil diese sich "unsicher fühlen". Bedauern für das Schicksal des Opfers hat sie nicht über, geschweige denn Kritik oder gar eine Entschuldigung dafür, elf Vergewaltiger mitten in einer kleinen Ortschaft platziert zu haben.

domenica 18 dicembre 2011

Il sabato del bla-bla-bla...

Il sabato del bla-bla-bla: lo spauracchio del razzismo (e le istituzioni contro la società civile)

Finite le manifestazioni avutesi a Firenze e in alcune altre città italiane, dopo l'uccisione di due senegalesi ad opera di un toscano per ragioni mai spiegate in maniera chiara (non esiste, come sapete, alcuna rivendicazione del perché dell'atto omicida; solo ipotesi orientate ideologicamente, più o meno plausibili), rimangono gli echi politico-ideologici. Rimangono solo gli appelli a concedere il più velocemente possibile la cittadinanza italiana agli stranieri, appelli a mettere museruole a questa o quella figura variamente contraria ad una Italia multietnoculturale, sviolinate sulle seconde generazioni di stranieri che si sentono tanto italiani (anche se vestono come chicanos di Miami o gangsta-rappers di Los Angeles) e così via.

Rimangono soprattutto le mille dichiarazioni, pronte, indignate, accorate, ferme dei politici di professione (quelli che non vogliono, in questi, giorni, abbassare i propri stipendi, per non andare sotto la media europea: Rosy Bindi...). Rimane anche l'eco, certo, delle centinaia di associazioni capaci di mobilitare migliaia di persone, non tantissime, come in altre occasioni, ma sufficienti per avere le prime pagine di molti quotidiani. E rimangono, naturalmente, i fiumi di parole dei giornalisti, magnificanti la presenza straniera e maledicenti la presenza in Italia di italiani anti-immigrati.

Tutto molto ovvio. Il solito bla-bla-bla, che più volte e per mille altre questioni differenti ha annullato il dibattito, trincerando il tutto dietro retorica e parole d'ordine.

Bla-bla-bla avutosi nella stessa settimana in cui due nuovi suicidi hanno interessato l'imprenditoria italiana, veneta nello specifico. E se uno (una ristoratrice trevigiana) non è ancora chiaro nelle motivazioni, l'altro è plateale ed emblematico, in quanto causato da un sistema intero.

Quello dell'imprenditore Giovanni Schiavon è l'ennesima di una serie di morti (40 suicidi negli ultimi tre anni) che non hanno provocato lo sdegno di politici e giornalisti e che non hanno messo in moto la macchina dell'associazionismo, di modo da portare a manifestare nelle strade delle maggiori città italiane migliaia di cittadini. Eppure anche Schiavon è stato in qualche maniera ucciso, e non da un singolo, esaltato e forse confuso, ma da un intero sistema, perché, come altri imprenditori, non riusciva a farsi rimborsare i propri crediti, dovutigli dalla pubblica amministrazione, ossia dallo Stato. Quindi, mentre in questi giorni, si invoca lo Stato affinché si occupi dei figli degli altri, degli immigrati, continua la dimenticanza, da parte dello stesso Stato italiano, di molti dei suoi figli autentici. Dimenticanza che, come in questo caso, diventa vero e proprio crimine, vero e proprio omicidio. Ai danni di un imprenditore, il che vuol dire anche ai danni dei suoi dipendenti, e quindi delle loro famiglie, in un ampliarsi devastante per la società civile.

P.S (fuori tema, ma non troppo, se ci pensate bene): sembra che il ministro della Giustizia, Paola Severino, appartenente all'attuale Governo santo e benedetto di Mario Monti, farà parte del collegio difensivo della Goodyear, nel processo che vede questa imputata a Latina per le morti da amianto.

P.P.S (altro analogo fuori tema): il sindaco PDL di Piove di Sacco, nel padovano, Sandro Marcolin, ha querelato un cittadino di Prato, che, prodigatosi per aiutare alcuni anziani, trovati a rubare un po' di carne al supermercato, aveva accusato le autorità comunali di dimenticare i propri cittadini in difficoltà, costretti poi a piccoli furti nei negozi.

  • Il Veneto degli imprenditori suicidi (Beppe Grillo dal suo blog, 15 dicembre 2011):
Forse un veneto, più di altri italiani, non accetta l'idea del fallimento. La sua cultura non lo prevede. Lo considera una vergogna. La chiusura di un'azienda è un evento che NON può succedere. Non è contemplato. I suoi dipendenti sono spesso persone con cui lavora insieme ogni giorno in ufficio o in fabbrica. Il Veneto è la patria delle piccole e piccolissime imprese, dei distretti industriali. Guardare negli occhi i propri colleghi mentre sono licenziati è intollerabile. Per la famiglia vale ancora di più. I figli che finiranno con lui in mezzo a una strada sono gli stessi che gli corrono incontro la sera prima di cena con la speranza di un piccolo regalo. Questo è vero anche altrove, ma in Veneto lo è di più. Il fallimento è una cappa di piombo, che ti isola, che ti porta al suicidio. Il mito dell'imprenditore che non deve chiedere nulla a nessuno, di un piccolo sogno americano, qui è più forte che altrove.

La lunga linea d'ombra degli imprenditori suicidi, 40 dall'inizio della crisi, è qualcosa di profondo, che non può essere spiegato in modo razionale. Perché questa strage silenziosa? Nell'ultima settimana altri due piccoli imprenditori si sono uccisi. Uno di loro si chiamava Giovanni Schiavon. Era titolare della Eurostrade 90 Snc a Peraga di Vigonza, in provincia di Padova. Aveva due figli. Si è seduto alla scrivania del suo ufficio e si è ucciso. Per Natale avrebbe dovuto mettere in cassa integrazione i suoi dipendenti, forse non sarebbe riuscito neppure a pagare stipendi e tredicesime. I clienti ritardavano i pagamenti, le banche avrebbero chiesto di rientrare dalle linee di finanziamento e secondo fonti locali "vantava crediti per oltre 200mila euro verso la pubblica amministrazione.“ Per la moglie il gesto è dovuto al "Sistema in cui nessuno paga". Una situazione da manuale. Il piccolo imprenditore onesto in Italia è un eroe. Lo Stato lo premia con le tasse più alte d'Europa, da incassare in anticipo. Per i rimborsi, invece, c'è sempre tempo. Ed è quasi impossibile riscuotere le fatture non pagate.

Il Veneto ha un male oscuro, tremendo, se costringe chi ha investito in questo Paese la sua vita e le sue risorse a impiccarsi in un garage o a spararsi nell'azienda vuota un sabato mattina. I pensionati sono importanti e anche i dipendenti pubblici, ma senza le imprese finiranno tutti in mezzo a una strada. Chi si occupa delle piccole imprese? Sono mucche da mungere. Nel Veneto hanno la massima concentrazione. I movimenti indipendentisti veneti stanno aumentando. Non sono cani da lecca come la Lega. Il Veneto non si farà suicidare in silenzio.